Giovedi 19 ottobre 2017 02:06

Napoli. Pochi autobus e treni in ritardo, utenti infuriati
Ennesima giornata nera per il trasporto pubblico locale a Napoli: pochi autobus, metropolitane a rilento e mezzora di attesa per la Cumana

03 maggio 2017



NAPOLI - Così non va. Lo ripetono, stremati dai ritardi, gli utenti del trasporto pubblico a Napoli. Tempi di attesa biblici, anche di mezzora, alle fermate degli autobus Anm. E così nelle ore di punta studenti e lavoratori  pregano per non arrivare in ritardo a scuola o sul posto di lavoro. Le segnalazioni alla pagina Facebook dell'azienda di trasporto napoletana sono continue ma chi risponde non sempre ha le delucidazioni giuste per chi è in attesa. E così i post si trasformano in momenti di contestazione con i social media manager di Anm che, alla fine, non possono fare altro che suggerire l'invio di una mail all'ufficio reclami.

Lunghe attese alla fermata Garibaldi della linea 1 (Repubblica.tv)

Venti minuti per una metropolitana

La situazione non è migliore per chi viaggia in metropolitana. I treni della linea 1 sono sempre più affollati e non è raro aspettare sulle banchine per una ventina di minuti. Se Sparta piange, Atene non ride. Anche le stazioni della linea 2, gestita da Trenitalia, sono spesso teatro di lunghe attese che, nei giorni di festa e nelle ore di punta, si tramutano in treni pieni all'inverosimile. È successo, ad esempio, il primo maggio con i treni presi d'assalto dai visitatori del Comicon, costretti a viaggiare come sardine.

Mezzora per una Cumana

E la Cumana? L'ultimo post dell'Eav sulla fanpage recita «Attenzione. Una serie di guasti agli impianti sulla linea Cumana hanno causato notevoli ritardi alla circolazione. Al momento la frequenza è di 30 minuti». C'è tutto il tempo di bere un caffè, per mandare giù l'amarezza.

© Riproduzione riservata