Sabato 24 febbraio 2018 11:28

Una serra di marijuana in una casa del centro storico di Napoli
Una vera e propria serra di piante di marijuana è stata sequestrata dagli agenti della Polizia di Stato nell'abitazione di un giovane agli arresti domiciliari in piazzetta Sedil Capuano.




NAPOLI - Gli agenti della sezione “Volanti” sono arrivati a casa sua in seguito ad un'anomalia del braccialetto elettronico,  che segnalava un tentativo di evasione. Quando i poliziotti sono arrivati sul posto, in piazzetta Sedil Capuano, a due passi da via Duomo, hanno notato A.T., 19enne agli arresti domiciliari, mentre scendeva dal quarto piano fino al suo appartamento ubicato al terzo.

Raggiunto il giovane e riscontrando un forte odore acre di sostanza stupefacente, gli agenti hanno ritenuto di dover effettuare una perquisizione, sia nell’appartamento al quarto piano, risultato nella disponibilità del 19enne, che nella sua abitazione. Nell'immobile al piano superiore i poliziotti hanno accertato che il giovane aveva allestito una serra casalinga, delle dimensioni di 2 metri per 1 metro e 60 ove, sotto un telo termico, era stata installata una lampada ed un sistema di ventilazione, il tutto alimentato da un generatore, al fine di irradiare luce e la giusta temperatura ad una pianta di marijuana dell’altezza di 1 metro 20.

Gli agenti, a quel punto, hanno proseguito la perquisizione nell’abitazione del giovane, al terzo piano, rinvenendo e sequestrando, nell’armadio della sua camera da letto, 21 dosi di droga, suddivisa in cocaina ed eroina. Al di sopra dell’armadio, rinvenuto anche un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della droga, nonché 13 zolle di terriccio per la germogliazione della marijuana.

Il 19enne, sottoposto al regime dei domiciliari con l’impiego del braccialetto elettronico, dal 1° aprile di quest’anno, allorquando fu bloccato dagli agenti dell’U.P.G. per il reato di rapina, è stato arrestato e, nuovamente, sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa d’esser giudicato, stamane, con rito per direttissima.

© Riproduzione riservata