Lunedi 20 novembre 2017 12:41

Tangenti al Santobono, Manutencoop in una nota: «Completamente estranei ai fatti»

04 aprile 2017



NAPOLI - «Completamente estranei ai fatti». E' quanto si legge in una nota diffusa dal gruppo Manutencoop Facility Management Spa, l'azienda finita sotto la lente d'ingrandimento della magistratura nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti presso l'azienda ospedaliera Santobono-Pausillipon. Al centro delle indagini le presunte tangenti che i vertici della Manutencoop avrebbero corrisposto ad un dipendente del Santobono per ottenere l'affidamento dei servizi di pulizia nell'ospedale pediatrico.

La società si definisce «del tutto estranea alle ipotesi di reato oggetto di indagine contestate a tre dirigenti della società» ed esclude categoricamente «qualsiasi condotta non conforme ai principi di correttezza e alle disposizioni di legge». Le accuse mosse ad alcuni dirigenti si baserebbero, precisa l'azienda nel comunicato, «su dichiarazioni di terzi, esterni alla Società» che Manutencoop «ricusa in toto, certa dell'assoluta correttezza dei propri comportamenti e di quelli dei propri dirigenti».

La sede legale della società è stata perquisita questa mattina su disposizione della Procura di Napoli, al fine di acquisire la documentazione attinente la procedura di gara incriminata: nel corso degli accertamenti l'azienda «ha prestato la massima collaborazione e continuerà a collaborare al fine di giungere ad una rapida conclusione dell'indagine», prosegue la nota.  «Sicura che l'esito delle indagini attesterà la propria completa estraneità a ogni ipotesi di reato - si legge in conclusione - la società conferma piena fiducia nell'attività della Magistratura».

© Riproduzione riservata