Giovedi 17 agosto 2017 21:17

Campo rom sgomberato d’urgenza a Torre Annunziata, insurrezione dei residenti




TORRE ANNUNZIATA (NA) - Si erano sistemati in Via Solferino, nella località di Rovigliano e a pochi passi dalla spiaggia comunemente nota come Sette Scogliere. Dopo un viaggio partito dalla Sicilia, le genti del secondo campo rom abusivo sorto nella cittadina di Torre Annunziata sono state sgomberate dagli agenti dei Vigili Urbani. Uomini, donne e bambini di etnia romena, nomadi per natura, e partiti dalle città di Catania e Trapani, oggi pomeriggio sono stati cacciati via dall'insediamento abusivo nel quale, durante questo lungo fine settimana, hanno sistemato le tende e le roulottes, dove si vedevano già i primi panni stesi e dove il numero di 'residenti' aumentava a vista d'occhio. È partito tutto da una segnalazione degli abitanti della zona, che avevano notato che nel giro di poche decine di ore quel pezzo di città veniva pian piano colonizzato e occupato, richiedendo, pertanto, l'intervento dei Vigili Urbani. Gli agenti sono arrivati sul posto, sotto la guida del Comandante Antonio Virno, per sgomberare il campo, del quale in poche ore non sono rimaste che le scie delle ruote delle roulottes. Tutti gli occupanti, invece, sono stati scortati dagli agenti della Municipale verso il confine col vicino comune di Castellammare di Stabia. Quello di Via Solferino sarebbe stato il secondo campo di nomadi della zona nel giro di circa 3 kilometri, il primo è sorto in Largo Macello, anche questo abusivo e tuttavia non ancora sgomberato. ©Riproduzione riservata