Lunedi 20 novembre 2017 04:58

Cabina di regia per Bagnoli, Renzi a Napoli: città blindata. 400 uomini delle forze di polizia in strada




NAPOLI - Camionette di carabinieri, polizia e Guardia di Finanza, ad ogni angolo nei pressi della Prefettura, in piazza del Plebiscito, così si è svegliata questa mattina Napoli: completamente blindata. Sono stati mobilitati oltre quattrocento uomini per la visita del premier Matteo Renzi che parteciperà personalmente alla cabina di regia per Bagnoli questo pomeriggio alle 18:00, in Prefettura, dove incontrerà il commissario Nastasi e le autorità locali per pianificare in merito alle nuove bonifiche e alla riqualificazione dell’area. Quasi sicuramente sarà assente il sindaco Luigi De Magistris. La città si prepara dunque a vivere una lunga e "calda" giornata per la marcia dei "mille" che sfileranno per le vie del centro in contemporanea all'avvio dei lavori della cabina di regia per Bagnoli, così come comunicato dagli attivisti di "Bagnoli Libera". Tanto basta per far scattare l'allarme sul fronte dell'ordine pubblico. E mentre le forze dell'ordine presidiano la zona per impedire incidenti e turbative al summit i manifestanti annunciano che a scendere in piazza saranno oltre mille e che parteciperanno anche tutte le sigle dei sindacati di base, dei centri sociali con i movimenti antagonisti e dei disoccupati. «Alla cabina di regia si discuterà anche dei grossi investitori americani come Apple, Cisco, arrivando a pensare persino ai giganti Google e Amazon. Bene, finalmente il governo si interessa di Napoli, scommettendo su Bagnoli per un suo rilancio, ma male che lo faccia attraverso un metodo vecchissimo, statalista e partitocratico, dove si esclude completamente il piano locale nelle scelte di governo del territorio. Ancora una volta - denunciano i manifestanti - si sceglie la strada del commissariamento,  gestione centralizzata che nella storia ha favorito più la corruzione che il buongoverno». Prima dell'arrivo in piazza del Plebiscito «per sfiduciare dal basso il governo Renzi» i manifestanti hanno organizzato un corteo che va da piazza Dante alla Galleria Umberto I dove i comitati e i movimenti, riuniti sotto la sigla "Bagnoli Libera" e sotto lo slogan "Renzi statt 'a casa", insieme ai lavoratori della Gepin e dell'Almaviva, si incontreranno per poi sfilare in direzione Prefettura in piazza del Plebiscito. Molto probabilmente è prevista anche la partecipazione del sindaco Luigi De Magistris. m5s-napoli-renzi (2)A protestare contro le politiche del premier, in piazzetta Augusteo, anche il Movimento 5 Stelle che nelle voci di Matteo Brambilla, candidato sindaco di Napoli, dei deputati napoletani Roberto Fico, Vega Colonnese e dei consiglieri regionali campani, presenta le proprie proposte di bonifica per Bagnoli. Ore "calde" sono quelle che si appresta a vivere Napoli nel timore che dinanzi a questo articolato quadro di proteste si possano nascondere estremisti capaci di scatenare episodi di guerriglia urbana. © Riproduzione riservata