Mercoledi 23 agosto 2017 17:48

Tav di Afragola, inaugurazione ad alta tensione: scontri tra polizia e manifestanti

06 giugno 2017



NAPOLI - Inaugurazione ad alta tensione alla stazione Tav di Afragola, in provincia di Napoli. Nell'attesa del premier Paolo Gentiloni, che giungerà direttamente ad Afragola, alla Stazione Centrale di Napoli si sono verificati scontri nei pressi del binario 17. Qui una ventina di disoccupati e militanti dei centri sociali con esposto lo striscione "No alla Tav di Afragola" hanno tentato superare il desk degli accrediti con l'obiettivo di avvicinarsi al treno che conduce giornalisti e personalità ad Afragola, dov'è in programma l'inaugurazione della prima fase dei lavori della stazione dell'alta velocità. Le forze dell'ordine hanno bloccato i manifestanti, che hanno gridato lo slogan «fuori la mafia dalle istituzioni». Nella colluttazione con gli agenti di polizia alcuni manifestanti sono rimasti feriti. Negli scontri sarebbero stati coinvolti anche due viaggiatori, un anziano e un bambino, caduti mentre erano in attesa di prendere il treno.

Video correlati

 La stazione Tav di Afragola vista dal drone

Il M5S: «E' ridicolo che il premier vada ad inaugurare un cantiere non completo e contenzioso della criminalità»

Sull'inaugurazione della Tav ad Afragola pesante è l'attacco al presidente del Consiglio Gentiloni da parte del Movimento 5 Stelle che nella persona di Luigi Di Maio ha commentato: «E' ridicolo che il premier vada ad inaugurare un cantiere non completo e che permetterà ai cittadini di accedere ad una stazione senza sicurezza nel bel mezzo di una sfida tra clan sulla stazione. Come il governo - si chiede il vicepresidente della Camera - intenda fare per evitare che negli appalti su questa stazione entrino i clan criminali? Pertanto noi del M5S chiediamo che venga istituita una task force della Prefettura di Napoli che monitori tutti i bandi di gara e certifichi quale sia il livello di sicurezza che si intende garantire ai cittadini che andranno a prendere il treno nel bel mezzo di una guerra tra clan criminali senza scrupoli».

© Riproduzione riservata