Giovedi 17 agosto 2017 21:24

Arrestati a Villaricca tre ladri di gioielli, erano l’incubo dei rappresentanti di preziosi
Tre uomini sono stati arrestati a Villaricca dalla Polizia di Stato. Avevano da poco svaligiato l'auto di un rappresentante di gioielli, portando via tutto il campionario.




NAPOLI - Erano diventati l'incubo dei rappresentanti di gioielli. L.M., di 51 anni, A.M. di 52 anni e G.A. di 57 anni sono stati arrestati degli agenti della sezione Antirapina della Squadra Mobile a Villaricca. I poliziotti, che già da tempo portavano avanti le indiagini sui furti messi a segno ai danni di rappresentanti di preziosi, hanno intercettato i tre mentre viaggiavano a bordo di due autovetture. Le due automobili procedevano a velocità sostenuta, una a fianco all'altra, in modo da permettere ai passeggeri di comunicare. Gli agenti hanno riconosciuto i sospettati e hanno bloccato le due auto.

In una delle autovetture è stata rinvenuta una grossa punta di trapano, spesso utilizzata come tecnica per infrangere i vetri ed il parabrezza delle vetture delle vittime designate. Nell'altra, invece, è stata ritrovata la refurtiva. I poliziotti hanno rinvenuto un grosso borsone di pelle nera, di marca Mont Blanc, contenente gioielli di una nota ditta che produce preziosi di alta oreficeria, di diversa fattura, caratura e colore, il tutto restituito all’ignara vittima.

Gli agenti hanno accertato che “il colpo” era stato messo a segno allorquando il rappresentante si era fermato ad un bar per sorbire un caffè. L’uomo, infatti, non notando manomissioni all’auto, che aveva parcheggiato poco distante dal bar, non si era neanche reso conto del furto subito. La vittima è rimasta incredula quando ha ricevuto la telefonata della Polizia di Stato, che lo avvisava di controllare se fosse ancora in possesso del suo campionario, pensando ad uno scherzo di pessimo gusto. Pochi secondi dopo, il rappresentante ha contattato i poliziotti per sporgere denuncia del patito furto. Per i tre ladri si sono aperte le porte del carcere di Poggioreale.

© Riproduzione riservata