Martedi 12 dicembre 2017 20:54

Pozzuoli, l’autore del video hot: «Non l’ho diffuso io, controllate il mio smartphone»




NAPOLI - L'autore del video hard che ritrae una giovane di Pozzuoli è stato ascoltato in Procura. Dinanzi ai giudici ha confermato di aver realizzato il video, ribadendo però di non averlo diffuso. «Potete verificare - ha detto, consegnando il suo smartphone -. Se lo avessi inviato io, sarebbero rimaste delle tracce. Non so come possa essere accaduta una cosa del genere». Ha 22 anni, è uno studente universitario, pronto a raccontare la sua verità al pm Silvana Sico, del pool coordinato dal procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli. La Procura indaga per diffamazione e altri reati connessi al rispetto della privacy e a potenziali accessi abusivi. Ora lo smartphone è nella disponibilità della polizia postale, al lavoro gli specialisti dei reati informatici, chiamati a fare chiarezza assieme ai poliziotti del commissariato Pozzuoli, agli ordini del dirigente Pasquale Toscano. Le indagini, a questo punto, potrebbero rivolgersi su altri versanti. Il telefono cellulare non risulta hackerato o rubato, quindi non si capisce - se gli esami della postale dovessero confermare le dichiarazioni del giovane - come il video possa essere finito in rete. Gli agenti potrebbero compiere a breve degli accertamenti sui computer usati dal ragazzo. La vicenda resta intricata. Non è escluso che, nei prossimi giorni, possa essere ascoltata la ragazza protagonista del video.

© Riproduzione riservata