Giovedi 24 agosto 2017 01:23

Camorra. Due morti in sette secondi, due arresti in carcere tra i Lo Russo
Due uomini dei Lo Russo sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare per il duplice omicidio avvenuto nel 2011 in una sala scommessa di Miano

07 giugno 2017



NAPOLI - Impiegarono solo sette secondi per uccidere due persone. Colpi a raffica all'interno di una sala scommesse di Miano, quartiere di Napoli, davanti ad altri clienti, per punire chi all'interno del clan Lo Russo aveva alzato la testa contro il boss. Dopo sei anni, riferisce l'Ansa, il duplice omicidio di Salvatore Scognamiglio e Salvatore Paolillo, 'fissato' nelle immagini del sistema di videosorveglianza, ha fatto scattare l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguite dalla Polizia di Stato, per Vincenzo Bonavolta e Luciano Pompeo, fratello del boss Luigi Pompeo, entrambi già detenuti. Secondo le indagini coordinate dal Dda della Procura di Napoli, il duplice omicidio, il 5 agosto 2011, maturò all'interno del clan lo Russo, di cui le vittime facevano parte, a causa di dissidi interni legati alla scelta di Salvatore Lo Russo, padre del boss Antonio, di collaborare con la giustizia.

© Riproduzione riservata