Martedi 26 settembre 2017 18:17

Napoli, fine di un incubo in provincia: presi i rapinatori seriali di negozi
Hanno seminato il terrore nell'area del Vesuviano nell'ultimo mese, rapinando cinque esercizi commerciali. I carabinieri li hanno arrestati questa mattina

07 giugno 2017



NAPOLI - Erano letteralmente scatenati. Una lunga serie di rapine, cinque, concentrata in pochi giorni. Due malviventi, residenti nel Napoletano, sono stati arrestati dai carabinieri. I loro obiettivi erano perlopiù i negozi gestiti da stranieri. Il primo colpo è del 16 maggio, ad Ottaviano. La coppia di rapinatori entra in un negozio di casalinghi e, pistola in pugni, porta via incasso e uno smartphone. Tre giorni dopo, il 19 maggio, entrano nuovamente in azione a San Gennaro Vesuviano. Cambia il negozio ma il modus operandi è sempre lo stesso. In quei giorni ripuliscono altri due esercizi commerciali prima dell'ultimo colpo, il 22 maggio a Terzigno.

L'escalation e le varie denunce allertano i carabinieri che, grazie alle indagini condotte con l'ausilio dei sistemi di videosorveglianze e delle dichiarazioni dei testimoni, riescono a risalire ai due soggetti. Si tratta di G.L., riconosciuto grazie ad un tatuaggio tribale, e A.S., entrambi già noti alle forze dell'ordine. Attualmente è al vaglio degli investigatori la loro posizione  per la rapina a un 33enne di Scampia a cui, con la minaccia di una pistola, è stato portato via lo scooter poi usato nei raid.

 

© Riproduzione riservata