Domenica 19 novembre 2017 11:31

Deposito Ctp di Arzano, tre lavoratori minacciano il suicidio




NAPOLI - Tre autisti della Ctp sono saliti sul tetto del deposito mezzi di Arzano e minacciano il suicidio. Costretti a non poter lavorare a causa della crisi che sta attraversando l'azienda di trasporti pubblici della provincia di Napoli, i tre, in preda all'esasperazione, minacciano un gesto estremo. Sotto i loro piedi, nel frattempo, gli autobus restano fermi con i lavoratori costretti ad un congedo forzato. «Continua l’odissea per dipendenti e utenti del Ctp perché, nonostante le rassicurazioni arrivate nel corso dell’incontro nella sede della Città metropolitana della scorsa settimana, non è cambiato assolutamente nulla», spiega  il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, aggiungendo che «stando a quanto riportato dai dipendenti, la ditta esterna NaMet ha interrotto nuovamente le riparazioni lasciando i pullman guasti e inutilizzabili e costringendo molti autisti, quasi tutti, a restare in congedo forzato». «E’ una situazione insostenibile e non si riesce a capire perché la Città metropolitana non mantiene gli accordi presi», prosegue Borrelli che poi conclude «si parla tanto di dipendenti pubblici che non vogliono lavorare mentre in Ctp ci sono dipendenti, ai quali va tutta la mia solidarietà, che, per poter lavorare, arrivano a minacciare il suicidio». © Riproduzione riservata