Sabato 24 febbraio 2018 05:23

Napoli, tensione per l’arrivo di Salvini. Il leghista: «de Magistris, chi sei?»

08 marzo 2017



NAPOLI - Alta tensione in centro a Napoli per l'arrivo di Matteo Salvini. Il segretario della Lega Nord, ospite de "Il Mattino" per un forum, è stato accolto da un gruppo di ragazzi, appartenenti ai centri sociali, che volevano impedire fisicamente l'accesso del politico leghista alla sede del giornale. È intervenuta la polizia di Stato in assetto antisommossa che ha rimosso il blocco, spostando di peso i manifestanti dall'ingresso. La manifestazione è proseguita dal marciapiedi opposto a quello della sede del quotidiano, in via Chiatamone, con cori contro Salvini. Un giornalista ha riferito di essere stato colpito da una manganellata ad una mano mentre tentava di riprendere gli scontri. «Stavo solo riprendendo, non ero parte della protesta. Ora voglio sporgere denuncia», ha riferito ai colleghi. La questura ha riferito che il cronista è stato identificato dopo avere reiteratamente tentato di superare il cordone di sicurezza.

«de Magistris pensi a fare il sindaco»

L'arrivo in città dell'europarlamentare era stato criticato, pochi giorni fa, dal sindaco di Napoli, de Magistris. La risposta è arrivata durante il forum. «A me spiace che Napoli sia rappresentata da gente come de Magistris che dice che Salvini non deve venire in città. Ma chi sei? Fai il sindaco, occupati di parcheggi e case popolari». Poi ha aggiunto «Io ce l'ho con la politica del Sud, con la Regione Campania che non spende i fondi europei, con i sindaci che non fanno i sindaci».  «L'Italia vince o perde tutta insieme», ha affermato in una successiva intervista alla Tgr Campania. «Ai napoletani dico conosciamoci, impariamo a stimarci - ha proseguito - ciascuno con le sue identità. L'Italia è bella perché è diversa, ci sono ottomila comuni, ottomila campanili, ottomila profumi». Quindi, ha concluso, «la mia convinzione, rispetto alla Lega del passato, è che l'Italia vince o perde tutta insieme».

© Riproduzione riservata