Giovedi 24 agosto 2017 03:19

Baby gang “occupa” piazza Nazionale, i residenti protestano sul web




NAPOLI - La denuncia stavolta arriva dal web. A farsi portavoce, attraverso un video di denuncia, delle mancanza di sicurezza in piazza Nazionale sono stati il consigliere regionale, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli della radiazza sul gruppo Facebook "Quelli cresciuti nel rione Vasto di Napoli". «Nelle immagini - scrivono i due - si nota come, un gruppo di ragazzi tra i 16 e i 19 anni, giochi e vandalizzi le giostre riservati ai bambini. Le strutture sono in fase di ristrutturazione: collocate lì solo due anni fa, erano state letteralmente distrutte da una vera a propria baby gang che popola la piazza. L’amministrazione comunale nel mese di settembre aveva avviato i lavori di ristrutturazione e riqualificazione dell’area. A causa delle cattive condizioni meteorologiche di questi giorni, però, i lavori sono stati interrotti e l’area giochi recintata. Le recinzioni non hanno fermato i giovani teppisti che, come si nota dalle immagini hanno preso possesso dell’area dedicata ai bambini. Sul gruppo Facebook, l’indignazione dei cittadini e soprattutto delle giovani madri che, esasperate dalla situazione, chiedono maggiore controllo da parte dello stato e delle istituzioni». «I primi responsabili - continuano Borrelli e Simioli - di questo degrado e vandalismo cronico sono i genitori di questi giovani delinquenti che non li educano ma anzi addirittura in alcuni casi li spronano a compiere atti delinquenziali dando il cattivo esempio. Ogni giorno le mamme del quartiere vanno a prendere nelle scuole i loro bambini a piazza Sant'Eligio, a pochi metri da piazza Nazionale, sullo scooter senza casco e viaggiando in tre. Fin da piccoli i bambini si abituano a non rispettare la legge come se fosse un fatto normale». Una delle madri si è sfogata, raggiunta telefonicamente da Napoli.zon, «sono madre di due bambine e ho vergogna e paura a portare le mie figlie alle giostre di piazza Nazionale. L’area è  perennemente occupata da questo gruppo di ragazzi che impedisce di fatto l’accesso alle madri e ai bambini. Nel tardo pomeriggio la situazione addirittura peggiora: l’utilizzo di cannabis da parte di questi ragazzi fa si che l’ambiente sia totalmente inaccessibile ai bambini. Le giostre - continua - furono installate in piazza Nazionale circa due anni fa ed erano utilizzate da tutte le madri della zona, ma furono quasi immediatamente distrutte da questi ragazzi. Ora il comune le stava ristrutturando, ma senza sicurezza saranno nuovamente distrutte e i bambini non avranno le loro giostre». Sui continui atti di vandalismo, è intervenuto anche Salvatore Maestrino, capo gruppo del PD della IV Municipalità del comune di Napoli. «Questi episodi - ha dichiarato - sono ormai all’ordine del giorno. Abbiamo fatto presente più volte la necessità di maggiori controlli e maggiore sicurezza per l’intera area della IV Municipalità e, purtroppo, spesso sono sfociati nel sangue. Il territorio ha più che mai bisogno che la presenza dello Stato si faccia concreta e tangibile». © Riproduzione riservata