Venerdi 18 agosto 2017 18:23

Contro la “Buona Scuola” a Napoli migliaia gli studenti scesi in piazza «siamo noi la buona scuola»




NAPOLI - «No alla riforma della buona scuola». Armati di striscioni e megafoni gli studenti napoletani sono nuovamente scesi in piazza contro la Buona Scuola. Da piazza del Gesù al corso Garibaldi i giovani manifestanti hanno intonato cori ed esposto striscioni paralizzando il traffico, durante la marcia. «Siamo i più forti e vogliamo farci sentire - urlano dai loro megafoni - siamo noi la buona scuola. Non ci bocceranno e non faranno di noi quello che vorranno, daremo battaglia e manifesteremo sempre». Per l'istruzione gratuita, il diritto allo studio, il reddito, il diritto all'accoglienza e la libertà di movimento: queste le ragioni degli studenti, pronti a manifestare per una giornata di mobilitazione indetta dalla Rete della Conoscenza (Unione degli Studenti, Link-coordinamento universitario ed altri soggetti). «Per una scuola più accessibile e inclusiva - spiega l'Unione degli Studenti -  Il governo Renzi non ha ascoltato le mobilitazioni studentesche, imponendo una riforma non voluta da chi la scuola la vive tutti i giorni. Dobbiamo bloccarla giorno dopo giorno all'interno delle nostre scuole e riprendere parola nelle piazze. Vogliamo potere, inteso come verbo e non sostantivo: poter studiare, poter scegliere il nostro futuro, poter vivere una vita dignitosa, poter cambiare collettivamente la nostra condizione di subalternità. Vogliamo potere, e non siamo disponibili a contrattare le briciole rispetto all’esistente: non scenderemo a patti». A Napoli la manifestazione è iniziata alle 09:00 da piazza Garibaldi e continua tuttora. La prossima mobilitazione è prevista per venerdì prossimo 17 ottobre. © Riproduzione riservata