Sabato 18 novembre 2017 16:56

Casoria, investì e uccise una ragazza sotto effetto di alcol e droghe: al via il processo per omicidio stradale

09 dicembre 2016



CASORIA (Na) - Rischia di essere condannato a 18 anni di carcere, il massimo della pena prevista per il reato di omicidio colposo, Francesco Mocerino, il 21enne di Afragola che il 30 maggio scorso investì e uccise all'uscita di un bar sulla ex Statale Sannitica nei pressi di Casoria Anastasia Donadio. La ragazza, sua coetanea, morì sul colpo a causa del forte impatto con l'Alfa Romeo 147 guidata dal militare dell'aeronautica militare che, in seguito agli accertamenti disposti dall'autorità giudiziaria, risultò essere sotto effetto di alcol e sostanze stupefacenti.

Gli inquirenti giunsero sulle tracce del ragazzo grazie al parabrezza sfondato rinvenuto lungo un tratto di strada non lontano da quello in cui fu ritrovato il corpo senza vita della giovane donna: la 21enne rimase incastrata con la testa nel parabrezza della 147 ma l'autista al posto di frenare tirò dritto lanciandosi a 100 chilometri orari in un tratto in cui il limite è di 50, fino a quando un dosso stradale scaraventò via il corpo ormai senza vita di Anastasia. Poco dopo il ritrovamento della vittima e del parabrezza sfondato sull'asfalto, i carabinieri sorpresero Mocerino nella sua abitazione, ancora ubriaco e visibilmente alterato.

Il 21enne, agli arresti domiciliari, sarà condotto questa mattina davanti ai giudici della Prima Sezione del Tribunale di Napoli che dovranno stabilire l'entità della pena da comminargli. Le accuse a suo carico sono pesantissime: l'ipotesi di reato formulata dagli inquirenti è quella di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, con l'ulteriore aggravante di essersi dato alla fuga subito dopo il sinistro. I legali della famiglia della giovane vittima puntano al massimo della pena, sostenuti nella loro battaglia dall'associazione Onlus "Familiari e Vittime della strada. Basta sangue sulle strade".

© Riproduzione riservata