Giovedi 17 agosto 2017 11:49

Orrore nel Salernitano, picchiata e tenuta in ostaggio dal figlio per 20 giorni




SARNO (Sa) - Dovrà difendersi dalle accuse di maltrattamenti ed estorsione un uomo di 38 anni, residente a Sarno, denunciato da sua madre in seguito a ripetuti episodi di violenza che si sarebbero verificati all'interno delle mura domestiche. La donna, secondo quanto riferito agli inquirenti, avrebbe subito botte e minacce dal figlio per oltre venti giorni, rimanendo chiusa all'interno dell'abitazione per tutto il tempo, sotto minaccia del figlio che la terrorizzava con un'ascia. I fatti risalgono alla fine del 2014:  il figlio avrebbe proibito alla madre di avere contatti con gli altri familiari, vietando nel frattempo a questi ultimi di frequentare l'abitazione della donna, percossa e minacciata più volte per aver tentato di sottrarsi alla follia del figlio, che si era stabilito lì con il suo consenso. Per il sostituto procuratore titolare delle indagini si tratterebbe di «volontà annichilita», che il 38enne avrebbe sfruttato a suo vantaggio per estorcere soldi alla madre avanzando richieste di denaro tra i 50 e i 100 euro. © Riproduzione riservata