Mercoledi 20 settembre 2017 20:05

Acqua rossa nella Fontana di Monteoliveto, vandali fuori controllo




NAPOLI - Non è stato l'ennesimo atto estemporaneo del teppista di turno. Chi ha fatto sì che l'acqua della Fontana di Monteoliveto diventasse rossa, ha agito con premeditazione, fornendosi degli strumenti adatti. L'atto vandalico è stato denunciato stamattina dal consigliere di municipalità Pino De Stasio che ha subito avvertito l'Abc. L'azienda idrica partenopea ha provveduto alla rimozione dei liquami e la fontana è tornata ad avere un aspetto normale. I vandali avrebbero compiuto l'atto questa notte, sferrando l'ennesimo attacco ad uno dei monumenti più martoriati di Napoli. La Fontana di Monteoliveto, opera del XVII secolo, è da tempo nel mirino dei teppisti che abitualmente frequentano la piazza. Scritte sulla pietra e bottiglie di birra vuote gettate nell'acqua sono all'ordine del giorno per un monumento che meriterebbe ben altra cura. Qualche mese fa i giovani di "Sii Turista della Tua Città" intervennero con un'opera di pulizia straordinaria, attirando le critiche dei commercianti della zona che li accusarono di non usare i solventi adatti. Da allora la fontana è tornata al degrado di sempre. Chi abitualmente occupa quella piazza, antistante una caserma dei carabinieri, continua ad oltraggiare questa splendida opera d'arte, quasi a voler imporre la propria barbara supremazia sul territorio. Il destino della Fontana di Monteoliveto oramai è un argomento di stringente attualità. Il partito di chi la vuole in un altro luogo, più sicuro, sta crescendo. Abitanti e commercianti della zona la vorrebbero al suo posto, con maggiore controllo. Restano i danni, e una soluzione va trovata al più presto. © Riproduzione riservata