Martedi 24 ottobre 2017 13:27

Funerali pubblici per il giovane ucciso a Ponticelli: «E’ morto come Genny»




NAPOLI - Si è svolta ieri alle 12 l’autopsia sul corpo di Raffaele, il giovane di 19 anni, incensurato, morto in seguito ad un agguato di camorra martedì scorso a Ponticelli. Al termine degli esami autoptici, la Questura ha autorizzato i funerali in forma pubblica per giovane, che si celebreranno probabilmente nella giornata di oggi. Niente autorizzazione, invece, per le esequie dell'altra vittima, un pregiudicato affiliato al clan dei ‘Barbudos’ del rione Sanità. Gli abitanti di Ponticelli hanno organizzato per martedì una fiaccolata in ricordo di Raffaele, «ennesima giovane vittima innocente ucciso per errore dalla criminalità organizzata». Riferisce l'agenzia Omninapoli che all'evento parteciperà anche Antonio Cesarano, padre di Genny, il 17enne morto nove mesi fa in circostanze simili in un agguato al rione Sanità. Gennaro lunedì avrebbe compito 18 anni, in piazza San Vincenzo alla Sanità si svolgerà una messa per ricordarlo promossa da 'Un popolo in cammino'. © Riproduzione riservata