Lunedi 11 dicembre 2017 12:35

Napoli, iniziano le operazioni di recupero del parco della Marinella




NAPOLI - Sono iniziate ieri le operazioni di recupero del parco della Marinella, compreso tra via Vespucci e via Marina, a due passi da piazza del Carmine. La polizia municipale ha organizzato, con l’ausilio degli agenti del servizio emergenza sociale e della tutela ambientale, del personale della Croce rossa italiana e dei servizi sociali, le operazioni preliminari di recupero affinché l'area possa poi essere affidata all’Asia per la bonifica. Le aiuole sono frequentate da tossicodipendenti e senza fissa dimora, perlopiù magrebini ed italiani, che trovano riparo tra cartoni e fogli di plastica posizionati a mo' di tetto per dormire e consumare eroina. Le operazioni di pulizia e di bonifica, nonché l'allaccio della sottostante rete fognaria alla collettrice comunale di via Marina, saranno svolte a seguire affinché siano rispettati i tempi di realizzazione del Parco pubblico della Marinella. VENTI ANNI DI RINVII - La storia del Parco della Marinella, che dovrebbe sorgere sull'area di 35.000 metri quadri compresa tra via Vespucci e via Marinella, comincia a metà degli anni novanta, quando era ancora sindaco Bassolino. Il progetto fu cofinanziato dall’Unione Europea, ma i lavori non partirono mai. L'area apparteneva al demanio e non si poteva intervenire. La mancanza di collaborazione tra gli enti e l'inefficienza amministrativa hanno portato ad una situazione di stallo lunga due decenni, con i fondi europei che sono andati persi in più occasioni. Ora però il denaro per iniziare i lavori c'è sono, perché il Parco della Marinella è stato inserita nel nuovo ciclo di finanziamenti europei 2014-2020.