Martedi 24 aprile 2018 03:17

Vertenza Almaviva, a Napoli corteo dei lavoratori contro i licenziamenti

10 novembre 2016



NAPOLI - Giornata di gran caos a Napoli per il corteo dei lavoratori del call center Almaviva minacciati da 845 lettere di licenziamento. A loro fianco i lavoratori della Gepin che pure potrebbero restare a breve senza lavoro. Sommando gli esuberi di entrambe le aziende, il numero supera le 1000 unità. I manifestanti hanno iniziato a sfilare dalla sede di via Brin in direzione Prefettura, in piazza del Plebiscito. Cori, petardi, fumogeni hanno preannunciato il loro passaggio, provocando disagi per il traffico. Nel frattempo anche a Roma si manifesta contro i licenziamenti. Nella capitale a rischio sono 1666 lavoratori.

Panini: «Sciopero Almaviva riuscito»

Allo sciopero ha partecipato anche l'assessore al Lavoro del Comune di Napoli, Enrico Panini. «Sciopero riuscito!», dichiara l'assessore in una nota di Palazzo San Giacomo «Con la grande manifestazione - aggiunge - di questa mattina abbiamo portato all’attenzione di tutta la cittadinanza il dramma della chiusura di queste importantissime aziende di Napoli e dei licenziamenti che ne potrebbero scaturire. I lavoratori e le lavoratrici di Almaviva e delle altre aziende mobilitate sono patrimonio indissolubile di questa città e di questa regione e pertanto vanno difesi in prima persona. L'intero Consiglio Comunale sta dalla parte di questa giusta causa!».

© Riproduzione riservata