Giovedi 23 novembre 2017 00:48

Inchiesta anti-assenteismo all’ospedale Cardarelli: nove indagati




NAPOLI - C'era chi era cameriere in un noto ristorante dei Camaldoli, chi invece tornava a casa a riposare. Altri invece che in busta paga riuscivano a segnare fino a 300 ore di straordinari e a far lievitare lo stipendio fino a 3mila euro, senza però presentarsi al lavoro. E' quanto emerso nell'ambito dell'inchiesta anti-assenteismo all'ospedale Cardarelli di Napoli scattata a seguito di una segnalazione, ad ottobre scorso, presentata al commissariato di polizia Arenella, dagli stessi vertici della direzione sanitaria insospettiti da alcune anomalie: straordinari record, oltre 60 ore al mese, e continui cambi di turno tra il personale. Questa mattina sono stati tutti individuati e denunciati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato. Si tratta di nove dipendenti del nosocomio Cardarelli che hanno ricevuto un avviso di garanzia. Dall'acquisizione delle immagini di videosorveglianza e dai diversi appostamenti e pedinamenti è stato scoperto dagli agenti di polizia un vero e proprio sistema truffaldino collaudato dove, pur figurando presenti in tre era in effetti presente solo uno che timbrava il cartellino per tutti. © Riproduzione riservata