Mercoledi 22 novembre 2017 06:17

Omicidio Ciro Esposito, chiesto uno sconto di pena per De Santis
Il pg ha chiesto in appello uno sconto di sei anni di pena rispetto alla condanna inflitta in primo grado a Daniele De Santis

11 maggio 2017



ROMA - Uno sconto di pena di sei anni rispetto alla condanna in primo grado. È la richiesta del procuratore generale del Tribunale di Roma, Vincenzo Saveriano, nel corso dell'udienza del processo di appello a carico di Daniele De Santis, l'uomo che ferì a morte il tifoso del Napoli Ciro Esposito poco prima della finale di Coppa Italia del 3 maggio 2014. La richiesta del pg è di 20 anni di reclusione, meno dei 26 anni inflitti a De Santis in primo grado.

Il procuratore, riferisce il Messaggero, ha ribadito  l'accusa di omicidio volontario ma ha chiesto di non riconoscere l'aggravante dei futili motivi e di assolvere l'imputato dall'accusa di rissa «perché il fatto non sussiste». Chiesta, invece, l'assoluzione per gli altri due imputati, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, tifosi del Napoli. In primo grado furono condannati a 8 mesi di reclusione ciascuno per rissa e lesioni al volto dello stesso De Santis.

© Riproduzione riservata