Mercoledi 13 dicembre 2017 00:55

E’ morto il giudice Alfonso Lamberti. La camorra gli uccise la figlia, l’obiettivo dell’agguato era lui




CAVA DE' TIRRENI - Si è spento oggi, dopo una lunga malattia, Alfonso Lamberti. Vide sua figlia, Simonetta, perire in un agguato di camorra il 29 maggio del 1982. I killer la uccisero sotto i suoi occhi. L'obiettivo del raid era lui, procuratore al tribunale di Sala Consilina. Oltre l'immane dispiacere per l'uccisione della figlia, l'agguato gli lasciò una ferita che, di tanto in tanto, gli provocava crisi epilettiche. Per lui anche un arresto, dopo le rivelazioni del pentito Pasquale Galasso nel 1993. Lamberti fu definito da Galasso "organico alla camorra", il pentito parlò agli inquirenti di provvedimenti giudiziari del giudice che avrebbero favorito i clan. Lamberti tentò il suicidio durante la detenzione, imbottendosi di barbiturici. Sulla sua vita, il peso della morte della figlia, a soli 12 anni. I funerali si terranno domani. © Riproduzione riservata