Martedi 12 dicembre 2017 05:35

Opificio sequestrato a Casandrino dai carabinieri, riscontrate 53 violazioni penali




CASANDRINO (NA) - I carabinieri di Grumo Nevano insieme ai colleghi del nucleo per la tutela del lavoro di Napoli hanno sequestrato un opificio tessile a Casandrino, nel corso di uno specifico servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto della manodopera clandestina. I militari, in via Chianese, hanno ispezionato l’opificio, gestito da un 40enne del Bangladesh, residente nel comune, accertando plurime violazioni in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro nonché l'impiego di manodopera “a nero” e clandestina. L'uomo, riferisce l'agenzia Omninapoli, è stato denunciato in stato di libertà per violazione alle leggi a tutela dei lavoratori. In particolare sono stati controllati 16 lavoratori di cui 10 “a nero” e 4 clandestini. Inoltre sono state contestate 53 violazioni penali per complessivi 400mila euro e 37 sanzioni amministrative per complessivi 56mila euro. I carabinieri hanno inoltre sequestrato 27 macchinari per la produzione degli abiti e il locale adibito ad opificio per il confezionamento di capi d’abbigliamento della superficie complessiva di 132 mq, per un valore complessivo di 350mila euro. L’attività imprenditoriale è stata sospesa. © Riproduzione riservata