Omicidio Materazzo, continuano le ricerche di Luca: convocati amici e parenti in Procura

13 febbraio 2017

NAPOLI - Continuano le indagini sul caso Materazzo, l'imprenditore ucciso a coltellate sotto casa in viale Maria Cristina di Savoia a Napoli, probabilmente dal fratello, Luca, unico indagato e in fuga da almeno due mesi.

 

Articoli correlati

Omicidio a Chiaia, conclusa l’autopsia: Vittorio Matarazzo ucciso con 35 coltellate
Omicidio a Chiaia, il killer aveva il casco. Matarazzo ripeteva: «Mi uccideranno»
Omicidio Materazzo, analisi su pc e cellulari. La Procura cerca un indizio
Omicidio a Chiaia, parla Luca Matarazzo: «La morte di papà ha segnato la mia rovina»
Napoli. Omicidio Matarazzo, la vedova: «Luca è innocente»
Omicidio a Chiaia, la Procura diffonde una foto recente di Luca Materazzo
Omicidio Materazzo, l'assassino è fuggito dal luogo del delitto in soli tre minuti

Gli investigatori dopo aver setacciato tutti i luoghi in Italia e all'estero, dove il 36enne può essersi nascosto, ritornano alla base di partenza, ossia a Napoli. Ed ecco il nuovo giro di convocazioni in Procura per amici e parenti di Luca perchè la sensazione dei pm è sempre la stessa: il ricercato potrebbe essere sostenuto da qualcuno, almeno in attesa di una definizione processuale.

Si indaga, dunque, non solo tra i suoi contatti all'estero ma anche a Napoli, pista che nei mesi scorsi aveva ceduto il passo a quelle in Svizzera dopo una segnalazione da parte di una donna che aveva sostenuto di vedere Luca a Lugano con barba incolta e capelli lunghi. Tuttavia nessun riscontro è emerso dalle ricerche avviate dalle polizie locali coordinate con quella di Napoli

© Riproduzione riservata