Mercoledi 20 settembre 2017 05:54

Depositi giudiziari al collasso, a Napoli è stop ai sequestri di moto e scooter
Su 10 veicoli sequestrati solamente due vengono ritirati dai legittimi proprietari e così facendo dopo mesi il meccanismo si blocca. E' come un cane che si morde la coda

13 aprile 2017



NAPOLI - Depositi giudiziari al collasso e come conseguenza paralizzate le operazioni di sequestro di moto e scooter. E' questa la nuova disposizione, emanata la settimana scorsa, dalla polizia municipale a causa dell'esaurimento dei posti disponibili.

Basti pensare che su 10 veicoli sequestrati solamente due vengono ritirati dai legittimi proprietari e così facendo dopo mesi il meccanismo si blocca perchè mentre diminuiscono i posti liberi continuano i sequestri fino ad arrivare al collasso. Come accaduto al deposito di via Campegna, quello dove venivano trasportati i mezzi sequestrati durante le operazioni di controllo del territorio, si è riempito e, al momento, non esiste un altro posto utilizzabile. E' questo il risultato del costante lavoro della municipale.

Video

«Abbiamo sequestrato 1500 motorini in poco tempo di cui la maggior parte perchè erano senza assicurazione o senza idonea patente - ha spiegato il capitano della polizia municipale, Giuseppe Imperatore - Nel frattempo che l'amministrazione si impegna a trovare altre aree di parcheggio noi ricaviamo spazio man mano che demoliamo i veicoli in sosta da anni e mai rivendicati. Solo così possiamo continuare con il nostro lavoro di sequestro. Infine a settembre dovrebbe partire la figura del custode acquirente, ossia ditte convenzionate che, seguendo un apposito iter burocratico, provvederanno all'acquisto di questi veicoli sottoposti a fermo e mai ritirati così da non aggravare ulteriormente le autorità competenti dei costi di mantenimento dei suddetti mezzi».

Fortunatamente la questione è momentanea, hanno assicurato gli agenti, avendo già individuato un nuovo deposito giudiziario sempre sul territorio napoletano. Da quanto appreso, mancano soltanto le ultime firme e dalla settimana prossima potrà essere utilizzato dal momento che nella nuova area di parcheggio già sono stati effettuati i sopralluoghi alla presenza degli incaricati del Comune di Napoli e dei funzionari della polizia municipale.

© Riproduzione riservata