Domenica 17 dicembre 2017 10:59

Formiche nel letto all’ospedale San Paolo, il direttore sanitario: «Non mi dimetto e non caccio nessuno»




NAPOLI - Contrariamente a quanto sostenuto dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli secondo il quale chi non a cuore la garanzia del benessere dei pazienti, in riferimento all'invasione di formiche nel letto dove è ricoverata una donna all'ospedale San Paolo di Napoli, il direttore sanitario, Vito Rago, a "La Zanzara" su Radio 24 ha dichiarato: «Non mi dimetto e non caccio nessuno».

Articoli correlati

Formiche nel letto all'ospedale San Paolo, Lorenzini: «E' una cosa indegna»
Malasanità a Napoli, Moxedano al Governo: «La task force non basta, ci vuole un commissario» 
La denuncia del consigliere Borrelli: «O si ha rispetto dei malati o si va a casa»

«Non mi sono accorto di niente, sono qui da venti giorni - ha spiegato - Ma il problema dell’invasione delle formiche è presente da anni, è un problema endemico. Nessuno me lo ha detto prima. Nessuno mi ha detto che c’era questo problema. L’ho scoperto in questi giorni. Sono mortificato. Nel frattempo ho interrotto i ricoveri ed ho ordinato una bonifica generale, una disinfestazione totale».

«Non ho nessuna responsabilità – ha aggiunto Rago – non mi dimetto, a che servirebbe? Per lo stesso motivo non caccio nessuno, i problemi non si risolvono facendo rotolare delle teste. Io voglio risolvere il problema, la mia missione è sconfiggere le formiche, non punire i responsabili. E poi responsabili di cosa? Le formiche sono venute dall’esterno, entrate nella stanza, salite sul letto. Chi dovrei punire? Purtroppo è successo qui. Anche se punisco qualcuno non cambia nulla, invece io voglio cambiare le cose».

Rago ha raccontato come è arrivato al San Paolo: «Qui mi hanno mandato, non ho scelto io di venire. Non volevo venire, ero al San Giovanni Bosco. Mi hanno detto: tu da domani vai lì. Non voleva venire nessuno». E ritornando alla questione delle formiche ha ribadito: «Vengono da un testaletto rotto, che abbiamo già sostituito. Dovremmo sfondare i muri coi picconi per capire da dove passano. Qui al San Paolo – ha spiegato – ci sono solo formiche. Al San Giovanni abbiamo i topi, e pure i gatti. I cani sono in giro dappertutto. Gli scarafaggi? Potrebbero uscire fuori, perché Napoli in questo periodo è invasa dalle blatte».

© Riproduzione riservata