Vomero, blitz criminale nei confronti del leader dei commercianti Enzo Perrotta




NAPOLI - Un vero e proprio blitz con furto quello che si consumato questa notte in via Bernini, al Vomero, ai danni del negozio di sigarette e tabacchi appartenente a Enzo Perrotta, presidente di Confimprese Italia e leader dei commercianti vomeresi. Il furto di sigarette ammonta a un valore di 30 mila euro, una cifra grossa, ma irrisoria se paragonata al bottino potenziale dell'attività di Perrotta. Dalle riprese delle telecamere di sicurezza, infatti, si è potuto osservare che i facinorosi  sono entrati a volto coperto, hanno tralasciato di rubare oggetti di valore come penne e borse griffate, per concentrarsi unicamente sui tabacchi, oltre a distruggere ogni cosa che gli capitasse a tiro. Si parla di blitz perché quello commesso ai danni di Perrotta si avvicina più a una sorta di spedizione punitiva, piuttosto che una rapina fine a se stessa. «Mi hanno derubato come presidente di un’associazione impegnata contro la malavita? I sospetti ci sono, ora la parola passa alla polizia» così il presidente di Confimprese Italia commenta il fatto, passando la parola alle forze dell'ordine. L'attivismo di Perrotta è indirizzato principalmente alla prevenzione di reati di racket e usura nel quartiere del Vomero, in particolare per quanto riguarda il rapporto che alcune banche avrebbero con la malavita. La stessa Procura della Repubblica, infatti, avrebbe appurato che alcuni istituti di credito vomeresi avrebbero passato informazioni ai cartelli criminali attivi in quelle zone. L'assessore comunale alle Attività produttive, Enrico Panini, ha già espresso solidarietà nei confronti dell'imprenditore: «Non sono ancora chiare le circostanze e le implicazioni del reato perpetrato nei suoi confronti, ma tuttavia è necessario ricordare che Enzo Perrotta, oltre ad essere un riferimento per il commercio del quartiere - ha sottolineato - è da anni impegnato in una dura lotta contro il racket e il mercato nero dei fitti. Il Comune di Napoli non starà a guardare. In queste ore sentirò la prefettura e chiederò che nei prossimi giorni venga convocato un tavolo inter-istituzionale per esaminare la recrudescenza di questi fenomeni». ©Riproduzione riservata