Martedi 22 agosto 2017 20:28

Sparatoria a Piazzolla di Nola, buttafuori colpiti all’esterno di una discoteca




NOLA - Si è trattato probabilmente di una vendetta, per aver allontanato i protagonisti di una rissa scoppiata poco prima. Due buttafuori, impiegati alla discoteca "Nemo" di Piazzolla di Nola, sono stati sparati con un fucile da caccia. Chi ha aperto il fuoco lo ha fatto per punirli, non per ucciderli. Ha puntato alle gambe, per fargli pagare lo "sgarro" dell'allontanamento dal locale. Poco dopo il diverbio, un colpo in aria come avvertimento, poi gli spari. Eppure, quella di sabato sera, doveva essere una serata tranquilla, frequentata dagli universitari della zona. Invece, è trascesa in violenza fino a quando i proiettili non hanno sfilato all'esterno del locale. I due buttafuori, di 40 e 30 anni, sono stati soccorsi e trasportati al pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola. Uno è stato dimesso dopo qualche ora, dopo la medicazione delle ferite al calcagno sinistro; l'altro, colpito al collo del piede sinistro, è stato ricoverato ed i medici hanno emesso una diagnosi di 15 giorni. Sul ferimento dei due indagano i carabinieri della stazione di Piazzolla di Nola. Al momento sono al lavoro per ricostruire l'identikit di chi ha imbracciato il fucile. Nessuno dei presenti ha dichiarato di aver visto, e anche i due colpiti non sono stati in grado di fornire elementi validi a chi indaga. I militari sperano di risalire al colpevole tramite le registrazioni delle telecamere di sorveglianza installate all'esterno del locale. © Riproduzione riservata