Mercoledi 20 settembre 2017 11:21

Tribunale di Napoli: continua la ressa, ancora code e caos. Avvocati in rivolta




NAPOLI - Altra giornata di caos al Tribunale di Napoli al Centro Direzionale dove la ressa continua a farne da padrona. Dopo la giornata di ieri continuano dunque le lunghe code per accedere al Palazzo di Giustizia napoletano. Buona parte degli avvocati, reduci dalla giornata nera di ieri dove numerose udienze sono iniziate in notevole ritardo, si sono anticipati alle 07:00 del mattino per entrare prima in Tribunale, ma inutilmente visto che da subito si è creata confusione. Colpa delle nuove procedure di accesso al Palazzo di Giustizia di Napoli, entrate in vigore dopo la tragedia al tribunale di Milano, con le tre persone uccise nelle aule del tribunale da Claudio Giardiello, un imprenditore fallito. Secondo quanto si apprende, un gruppo di persone avrebbe distrutto una porta in vetro, entrando nell'edificio ferendo un'avvocatessa travolta dalla ressa e medicata per la porta di vetro sfondata. Intanto per la ressa è stata chiusa al traffico via Grimaldi. Tuttavia, la situazione oggi appare più grave rispetto alla pur critica giornata di ieri, quando già si erano registrate lunghissime file agli ingressi, in quanto il martedì, come il giovedì sono i giorni in cui sono fissate le udienze civili. © Riproduzione riservata