Mercoledi 22 novembre 2017 06:31

Circumflegrea. Personale salva un uomo di 70 anni, si era perso sui binari




NAPOLI - Nella tarda serata di ieri, poco prima che terminasse il servizio ferroviario delle linee flegree, giunge alla stazione di Montesanto una persona, in stato di agitazione, che ha informa il personale di avere ricevuto una telefonata dal fratello che gli riferiva di trovarsi nella galleria che collega la fermata di Piave a quella di Montesanto. L'uomo spiega che il fratello è dedito a bere alcol e spesso gli capita di non riuscire a tornare a casa. Immediatamente vengono allertati gli gli ultimi treni rientranti affinché percorrano la tratta a velocità bassissime al fine di individuare la persona, mentre nella stessa stazione di capotronco delle linee flegree giungono anche i Carabinieri. I conducenti degli ultimi convogli non riescono ad individuare la persona ricercata. Resta, come unica speranza, il locomotore del servizio notturno. Giunti nella fermata di Piave, i due Carabinieri presenti salgono a bordo per perlustrare anche la strada ferrata, approfittando dell'illuminazione del mezzo. Nel frattempo giunge anche il dirigente reperibile dell'Eav che era stato prontamente allertato. Dopo aver percorso più volte la tratta indicata dal denunciante, i lavoratori, in accordo con le forze dell'ordine, decidono di portarsi fino alla fermata di Traiano ed oltre, per scongiurare ogni ragionevole dubbio, in quanto si era pensato che l'uomo avesse trovato la via per uscire dalla sede ferroviaria. E invece, sulla tratta Soccavo-Traiano, tra le sterpaglie ed accovacciato tra esse, intravedono l'uomo che agita il suo telefonino per farsi riconoscere. E così finalmente viene recuperato il settantenne, in evidente stato di ubriachezza e confusione. Tutto è bene quel che finisce bene, se l'uomo fosse rimasto lì, probabilmente, alla ripresa del servizio ferroviario, sarebbe potuto accadere il peggio.