Martedi 26 settembre 2017 21:55

Raffica di colpi di pistola contro l’auto del fratello di Luigi Cesaro. Forse messaggio della camorra




SANT'ANTIMO (NA) - Raffica di colpi di pistola contro l'auto di Aniello Cesaro, fratello di Luigi, deputato ed ex presidente della Provincia di Napoli. È accaduto in un autolavaggio a Sant’Antimo. In azione due uomini in sella a una moto, volto coperto dal casco e armati di pistola calibro 9. Un raid che per gli inquirenti ha una sola chiave di lettura: è il messaggio inquietante della camorra contro la famiglia. E' il terzo avvertimento questo della camorra, quello ritenuto il più grave secondo i codici del linguaggio malavitoso, nel giro di poco più di un anno. Nelle due precedenti occasioni era finito nel mirino un altro fratello, Antimo: prima un ordigno piazzato davanti al centro diagnostico, poi una "strana" rapina in casa. Adesso è Aniello a diventare obiettivo delle intimidazioni: «Ma non ho mai ricevuto minacce - spiega - altrimenti avrei denunciato». © Riproduzione riservata