Lunedi 20 novembre 2017 03:07

Esame di maturità 2015: parte il conto alla rovescia, tante le novità




Si parte domani con la prova d'italiano. L'esame di maturità 2015 vedrà coinvolti in tutta Italia 489.962 candidati, suddivisi in 12.005 commissioni, che esamineranno 24.189 classi. Circa 50mila saranno gli studenti campani. Ma quella che domani prende il via sarà una maturità calda rispetto a quella degli scorsi anni non solo per la questione del blocco degli scrutini per protestare contro la Buona scuola, ma anche, e soprattutto, per la riforma Gelmini che comporta una serie di novità per diverse materie avendo selezionato le materie caratterizzanti per i nuovi indirizzi. Già nella prima prova due sono le novità introdotte e riguardano sia l'allegato a supporto del tema storico, si tratta di un testo che potrà guidare gli studenti, sia le tempistiche per la correzione. Se finora questa era a discrezione della commissione, da quest’anno i compiti saranno corretti solo dopo la consegna della terza prova concedendo così ai ragazzi un giorno in più di tregua prima dell’orale. Ma le novità legate alla riforma Gelmini come detto riguardano principalmente i nuovi indirizzi in seduta della seconda prova. Ad esempio per le Scienze umane ad indirizzo economico-sociale, la seconda prova verterà su diritto ed economia politica: potrà essere proposta sia la trattazione di problemi o temi disciplinari sia, in alternativa, l'analisi di casi o situazioni socio-politiche, giuridiche ed economiche. Ma non solo, nei licei artistici con diversi indirizzi i ragazzi saranno chiamati a mostrare la loro abilità in discipline che vanno dal design, alla scenografia, alle discipline pittoriche in progetti articolati su più giorni. D'altro canto il debutto assoluto per i licei coreutico e musicale dove materia di seconda prova sono teoria, analisi e composizione al musicale e tecniche della danza al coreutico. Nei musicali la prova si svolgerà in due parti e in due giorni. La prima parte può riguardare l'analisi di una composizione o la composizione di un brano, la realizzazione e descrizione di un percorso digitale del suono o la progettazione di un'applicazione musicale. La seconda parte, il giorno successivo, consiste nella prova di strumento. Anche al coreutico ci saranno due giorni di prove: la prima parte prevede l'esibizione collettiva, su un tema specifico riferito agli ambiti della sezione classica e contemporanea e una relazione accompagnatoria. La seconda parte, il giorno successivo, consiste nella prova di esecuzione individuale. Mentre al liceo linguistico è stata modificata la modalità di scelta della lingua. Fino allo scorso anno gli studenti sceglievano il giorno dello scritto la lingua su cui cimentarsi, potendo optare fra tutte le lingue studiate nel quinquennio, quest'anno, invece, la scelta è stata fatta dal Ministero dell'Istruzione che ha indicato come materia della seconda prova la prima lingua, quella studiata in modo più approfondito nel corso dei cinque anni e che potrà essere diversa a seconda dell'offerta formativa individuata dalle singole scuole. Tante novità, dunque, che potrebbero ripercuotere sullo stress degli studenti e pertanto la presidente dell'ordine degli psicologi della Campania, Antonella Bozzaotra ha rassicurato i maturandi ricordando che «l'esame di maturità rappresenta un rito di passaggio che tutti si trovano ad affrontare e quindi va vissuto come tale e non trasformato in una patologia come spesso accade». Quindi ansia e paura vanno anche bene purchè "positive" ma che non si trasformino in angoscia e di conseguenza in patologia. © Riproduzione riservata