Giovedi 17 agosto 2017 13:33

Turismo a Napoli, de Magistris: «Numero chiuso? La nostra identità è più forte»

17 febbraio 2017



NAPOLI - «Napoli non ha bisogno del "numero chiuso" perché la nostra identità è talmente forte che la stiamo facendo esplodere in tutta la sua potenzialità». E' questa la posizione assunta dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando la proposta del governatore del Veneto, Luca Zaia, secondo il quale occorrerebbe limitare i turisti in ingresso nel centro storico di Venezia.

«Finora, e noi lavoreremo perché non accada - ha aggiunto l'ex pm - Napoli non corre questo rischio. Siamo la città italiana che cresce di più in termini turistici, ma Napoli è anche una città che si sta profondamente riscattando partendo dalle sue tradizioni, dalla sua identità e dalle sue peculiarità».

La città, per de Magistris, «è una metropoli internazionale e turistica che non perde la sua identità, a differenza di quanto avvenuto in altre capitali europee con massificazioni che hanno poi prodotto un annullamento delle differenze, delle peculiarità e delle proprie caratteristiche».

«Il nostro lavoro non si limita al centro di Napoli, ma anche nelle periferie»

«Il lavoro che la nostra amministrazione sta facendo sulle periferie è imponente. Il nostro obiettivo è abbattere il concetto di periferie perchè saranno le nuove centralità - ha aggiunto il primo cittadino napoletano - Noi cambieremo la storia della nostra città grazie alla forza del nostro popolo».

«Le aree interessate dagli interventi - spiega - sono l'area Nord con l'abbattimento delle Vele e l'opera di rigenerazione urbana che partiranno nell'estate 2017 con l'abbattimento della prima Vela e la realizzazione di un pullulare di attività trasformando la zona da periferica a centrale».

Altra periferia che cambierà volto sarà Bagnoli grazie all'imminente accordo con il Governo, entro l'estate 2017, per la bonifica integrale, la rimozione della colmata e la rigenerazione urbana.

«Sarà - sottolinea de Magistris - il più grande progetto di rigenerazione urbana italiano mai realizzato negli ultimi decenni in un contesto naturalistico unico al mondo». «Mai nessuno - evidenzia il primo cittadino - era riuscito in questa impresa. Solo in questo triangolo ci saranno investimenti per miliardi di euro, lavoro per migliaia di persone dei nostri territori nonchè la riqualificazione totale dei territori. Che emozione se penso a quanta fatica! Tutto questo - conclude - per merito di una città che lotta, che non molla, che ha coraggio, che è autonoma, che è governata con onestà e passione. Nulla è impossibile per questa Napoli dove insieme con il popolo raggiungeremo tutti gli obiettivi. Il mio impegno della vita è questo. Per la mia amata Napoli».

© Riproduzione riservata