Domenica 24 settembre 2017 10:39

Bruciata viva dall’ex compagno, i pm chiedono 15 anni per l’aguzzino di Carla




NAPOLI - La Procura di Napoli ha chiesto la condanna a 15 anni di reclusione per Paolo Pietropaolo, l'uomo di 41 anni che il 1 febbraio scorso a Pozzuoli ha tentato di uccidere l'ex fidanzata, Carla Caizzo, dalla quale aspettava una bambina, dandole fuoco e ferendola in modo gravissimo.

A porte chiuse i pm Raffaello Falcone e Clelia Mancuso hanno avanzato la richiesta di condanna sulla scorta del gesto premeditato. «C'è stata una trappola, un progetto premeditato, mascherato dal tentativo di parlare con la mamma della nascitura», è il ragionamento dei magistrati.

In aula Pietropaolo, che è detenuto ed è difeso dall'avvocato Gennaro Razzino, non ha fatto alcun commento, mentre assente la vittima in quanto nei giorni scorsi è stata sottoposta all'ennesimo intervento chirurgico, sebbene questa mattina la donna aveva dichiarato di voler essere in aula per mostrare ciò che l'ex compagno le aveva fatto.

La prossima udienza è fissata per il 27 ottobre, la sentenza forse per il 23 novembre.

© Riproduzione riservata