Venerdi 17 agosto 2018 20:51

Senza stipendio da tre mesi, operai dell’acquedotto di Caggiano minacciano di darsi fuoco

18 gennaio 2017

CAGGIANO (SA) - Minacciano di darsi fuoco impugnando taniche di benzina e bombole gpl. Protagonisti della protesta otto operai dell'acquedotto di Caggiano, in provincia di Salerno, che hanno messo in scena la minaccia per paura di perdere il posto di lavoro.

A destare le loro preoccupazioni, il ritardo nel pagamento di tre mnsilità nonostante continuino a lavorare assicurando il servizio idrico ai cittadini.

La vertenza scaturisce dal cambio di gestione dell'acquedotto, attualmente affidato alla società "Consac gestioni idriche Spa" che dovrebbe attuare dei tagli di personale.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri ed i vigili del fuoco del distaccamento di Sala Consilina, in provincia di Salerno.

© Riproduzione riservata