“Cippo” di Sant’Antonio, militari al lavoro per contrastare i roghi: alta tensione in città
Pochi, per fortuna, i casi di "cippi" riusciti, probabilmente complice anche il maltempo

18 gennaio 2017



NAPOLI - Alta tensione ieri sera in diversi punti di Napoli, e in particolar modo al Rione Sanità, dove è andato in scena a più riprese un vero e proprio braccio di ferro tra le forze dell'ordine e i fautori del "cippo", il tradizionale rogo per la celebrazione della ricorrenza di Sant'Antonio Abate. Carabinieri, polizia di stato, municipale ed esercito sono stati impegnati durante tutta la giornata in un lavoro di intercettamento delle cataste di legno, pronte ad essere incendiate secondo l'antica usanza che vuole che il santo venga celebrato con l'accensione di un fuoco.

Escalation di furti e atti vandalici per celebrare il Santo

Il lavoro di intercettamento dei roghi, oltre che prevenire eventuali danni o pericoli per l'incolumità pubblica, aveva anche e soprattutto lo scopo di scoraggiare gli atti vandalici compiuti al fine di procurarsi il legno necessario per l'incendio. Quest'anno si è infatti assistito a una triste escalation di furti di legname, che hanno portato, oltre all'ormai purtroppo classico furto dell'albero nella Galleria Umberto (ritrovato poi la mattina del 7 gennaio accatastato in uno stabile nella zona dei Quartieri Spagnoli), al danneggiamento degli ulivi di Montesanto, fino al criminoso tentativo di taglio del cedro in largo Giusso.

Gomme squarciate e sassaiole contro le divise

Per tutta la giornata, quindi, i militari hanno effettuato il servizio di controllo onde evitare l'accensione dei fuochi, in diverse parti della città. In più di un caso, purtroppo, c'è da segnalare la violenza reazione di parte della cittadinanza nei confronti dei tutori dell'ordine. A Secondigliano una baby gang hanno sabotato il camion Asìa su cui si stava caricando il legname, squarciando la gomma delle ruote, mentre al quartiere Mercato, in vico Sant’Anna alle Paludi, alcuni poliziotti sono stati fatti oggetto di una sassaiola. Grande tensione soprattutto al Rione Sanità, presidiata in maniera massiccia dalle forze dell'ordine: anche qui gli agenti sono stati colpiti da un lancio di pietre e oggetti che hanno finito per danneggiare il camion della nettezza urbana.

Pochi i roghi accesi

Pochi, per fortuna, i casi di "cippi" riusciti, probabilmente complice anche il maltempo. I roghi di legname si sono registrati, ad esempio, in vico Lungo Montecalvario, in via San Giuseppe dei Nudi, nella zona dei Banchi Nuovi. Un "cippo" acceso anche nella zona collinare, nel quartiere Vomero, a pochi passi dalla chiesa di San Francesco D'Assisi.

© Riproduzione riservata