Venerdi 24 novembre 2017 23:06

Napoli, follia al centro storico: prima tenta di violentare studentessa, poi aggredisce un uomo




NAPOLI - Serata di follia ieri nel centro storico di Napoli, dove un trentenne di nazionalità rumena ha letteralmente seminato il panico. La prima vittima del suo raptus di pazzia è stata una giovane studentessa di 21 anni, aggredita all'interno dell'ascensore mentre faceva rientro nel suo appartamento nel quartiere Vicaria. La povera studentessa, palpeggiata e minacciata con un giravite, è stata salvata dal provvidenziale intervento di una condomina, attirata sul pianerottolo dalle sue urla di terrore. A quel punto l'uomo è riuscito a scappare, ma la Polizia si è immediatamente messa sulle sue tracce grazie alle precise e dettagliate descrizioni fornite dalla ragazza. Il trentenne è stato così individuato all'interno di un palazzo di vico Rocci, tra via Vicaria Vecchia e via Duomo, dove ha prima ferito a colpi di giravite un uomo che gli aveva chiesto il perchè della sua presenza lì, dopodichè ha disperatamente cercato di farsi aprire la porta da un inquilino per trovare riparo. Le forze dell'ordine sono però riuscite a bloccarlo solo successivamente, pochi metri più avanti, all'interno di un condominio in vicoletto San Giorgio ai Mannesi. Il malvivente è stato portato via, destinazione carcere di Poggioreale, non senza difficoltà a causa del tentativo di linciaggio da parte della folla che intanto si era radunata in zona. Le vittime della sua follia sono state medicate: la studentessa è stata giudicata guaribile in 15 giorni, mentre l'uomo, ferito alle mani e ai piedi, ha riportato lesioni guaribili in 10 giorni. © Riproduzione riservata