Giovedi 23 novembre 2017 12:13

Arrestati i “guerriglieri” in stile Isis di Casal di Principe, lanciarono molotov in strada




CASAL DI PRINCIPE (CE) - Nelle foto posavano con le armi nello stile dei miliziani dell'Isis. E' finito in manette a Casal di Principe un gruppo di sei persone, accusato di una serie di reati. Fabbricazione, detenzione e porto di armi da guerra, lancio e scoppio di bombe incendiarie, tentato incendio, ricettazione, spaccio di sostanze stupefacenti, possesso di segni distintivi contraffatti e violenza privata sono le accuse rivolte dai Pm della Procura di Napoli Nord che hanno portato all'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip ed eseguita dai carabinieri della locale stazione. Secondo quanto emerso dalle indagini, i sei soggetti sarebbero stati gli autori di un atto intimidatorio commesso la notte del 18 ottobre 2014 a Casal di Principe, con il lancio di due molotov contro la porta d’ingresso di un’abitazione. Per il fatto era già stato eseguito un arresto, il 19 dicembre scorso, di uno degli esecutori materiali. Tale atto sarebbe rubricato come una ritorsione per l'avvelenamento di alcuni cani. E' stato inoltre accertato che i sei indagati possedevano un kalashnikov con il quale si esercitavano a sparare nelle campagne dell’agro aversano, facendosi tra l'altro fotografare in atteggiamenti emulativi dei terroristi islamici. Ai novelli "guerriglieri" è contestato anche il possesso di un distintivo falso riportante il simbolo della Repubblica Italiana con la dicitura Ministero della Difesa e l'esplosione di colpi di arma da fuoco nella pubblica via. © Riproduzione riservata