Martedi 19 settembre 2017 13:40

Clamoroso furto agli scavi di Pompei, trafugata borchia del VI secolo a.C

18 maggio 2017



POMPEI (NA) - Clamoroso furto negli scavi Pompei. Portata via una borchia in bronzo risalente al VI secolo a.C. Era esposta nella mostra "Pompei e i Greci" all'interno della cosiddetta Palestra Grande.

La borchia, ornamento per porte del diametro di 7,3 cm, proveniente dal museo archeologico nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu” di Potenza, il cui valore assicurativo è di 300 euro, era infissa su un pannello di legno e coperta solo davanti da un pannello di plexiglass.

«La borchia era, come le altre tre, avvitata sul pannello espositivo e coperta da lastra trasparente di protezione pertanto la rimozione del pezzo deve aver richiesto un tempo necessario a evitare i controlli - ha spiegato il direttore generale Massimo Osanna – L’edificio, inoltre, è di giorno presidiato da personale Ales e di notte sottoposto a videosorveglianza, oltre ad essere dotato di sistema di allarme. Oltre al gesto che ferisce il sito di Pompei e il patrimonio culturale italiano, pur trattandosi di un pezzo di valore non inestimabile, mi colpisce anche da un punto di vista personale trattandosi di un’area nella quale avevo condotto direttamente lo scavo».

Secondo i carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata, che indagano al caso, il furto si sarebbe verificato durante l'orario di apertura al pubblico. Nel tentativo di risalire agli autori i militari hanno sequestrato le chiavi della Palestra e l'intera area espositiva ed acquisito le immagini del circuito di videosorveglianza.

Nel frattempo che i carabinieri indagano può anche verificarsi che la borchia ritorni indietro con tanto di lettera correlata così come accaduto per i tanti reperti trafugati negli anni e poi restituiti per scarico di coscienza o perchè si pensa che abbia ha portato "sfortuna" paventando dunque l'idea di una "maledizione di Pompei".

Articoli correlati

"Maledizione di Pompei" o scarico di coscienza, agli scavi ritornano tanti reperti trafugati
© Riproduzione riservata