Giovedi 17 agosto 2017 17:23

Festa dei Gigli a Crispano: figlio del boss mette in fuga paranza rivale, parapiglia tra la folla




CRISPANO (NA) - Urla, fuga, spintoni, e un gran parapiglia che poteva trasformarsi in tragedia. La Dda di Napoli sta indagando su quanto accaduto l'altro giorno a Crispano, durante la tradizionale e ultracentenaria festa dei Gigli, quando un uomo, figlio di un noto boss della camorra a nord di Napoli, avrebbe cacciato i componenti della paranza Gioventù Bruscianese, infastidito probabilmente dalla loro abilità nel cullare il giglio. Intimoriti dalle minacce gli oltre cinquecento cullatori hanno così poggiato per terra l'obelisco, alto oltre 25 metri, e sono scappati via. La repentina fuga, come riporta l'edizione online de Il Mattino, ha finito con lo scatenare un vero parapiglia tra le migliaia di spettatori: sono stati attimi di terrore, decine di persone sono cadute a terra nella fuga, rischiando di restare schiacciate dalla folla in preda al panico. Solo per miracolo non si contano morti o feriti gravi. Il figlio del boss invece, come se nulla fosse accaduto, ha proseguito il suo percorso e, una volta fermato l'obelisco, ha preso il microfono ed ha rivolto un saluto al sindaco Antonio Barra. C'è però chi giura che l'omaggio abbia suscitato nel primo cittadino di Crispano un grandissimo imbarazzo. © Riproduzione riservata