Mercoledi 23 agosto 2017 02:24

Colta in flagranza di reato, banda del buco spunta da un tombino in piazza Dei Martiri con le manette




NAPOLI - Colti con le mani nel sacco. Tre persone sono state bloccate dai carabinieri mentre tentavano di svaligiare una gioielleria nel centro storico di Napoli entrando da un "buco" scavato utilizzando percorsi e cunicoli delle fognature: è successo la scorsa notte a tre persone che i militari dell'Arma hanno arrestato in flagranza di reato proprio all'interno delle fogne e che sono uscite, ammanettate, da un tombino nella centralissima Piazza dei Martiri, il "salotto" buono di Napoli. Erano mesi che i carabinieri erano sulle tracce dei banditi avendo scoperto ben cinque "buchi" pronti a essere usati per entrare in banche e prestigiose gioiellerie del centro storico. Ieri sera i militari, nascosti in un cunicolo nei pressi di un'importante gioielleria di via Calabritto, hanno scoperto sottoterra i tre pronti ad entrare in azione muniti di tute da lavoro impermeabili, torce da minatore, martelli pneumatici, batterie portatili, flex e altro materiale. Colti in flagrante i militari hanno sequestrato gli attrezzi da lavoro e fermato i rapinatori con l'accusa di tentato furto aggravato e porto ingiustificato di attrezzi atti allo scasso. © Riproduzione riservata