Lunedi 20 novembre 2017 10:35

Inquinamento, Napoli è terza: nel 2015 sfora il limite per 59 volte




NAPOLI - Sono finalmente stati divulgati i risultati della campagna di monitoraggio annua svolta da Legambiente, "PM10 ti tengo d'occhio". Una ricerca, quella dell'associazione ambientalista, che misura quante volte e in che misura le città italiane superano annualmente la presenza media di polveri sottili nell'aria, fissata per legge a 50 microgrammi per metro cubo, per un massimo di 35 giorni all'anno. Prima in classifica è Milano - 86 giorni nel 2015 - seguita da Torino - 73 giorni - e, al terzo posto, Napoli - 59 giorni - mentre Roma è quarta - 49 giorni. La ricerca è stata condotta in tutte le città, tenendo presenti i casi in cui la centralina ha registrato almeno una volta il superamento del limite di 50 microgrammi per metro cubo. In particolare, precisa Legambiente, ci si è concentrati sui dati della «centralina peggiore (quella che ha registrato il maggior numero di superamenti fino a questo momento) presente nella città, a partire dai dati disponibili sui siti delle Regioni, delle Arpa e delle Provincie. È stato scelto questo criterio per il confronto tra le città perché le Regioni scelgono modalità diverse nella comunicazione dei dati e nel conteggio dei superamenti. La centralina peggiore sicuramente non è indicativa della qualità media dell'aria di tutto il perimetro urbano, ma riporta la situazione più critica di cui gli amministratori locali e gli abitanti devono essere a conoscenza e di cui devono tenere conto». ©Riproduzione riservata