Martedi 06 dicembre 2016 06:46

Scuola in Campania, al via al progetto “Scuola viva”: 454 gli istituti aperti anche di pomeriggio
Presentato alla Città della Scienza il progetto "Scuola viva" che consentirà l'apertura pomeridiana di 454 istituti. Un passo contro la violenza minorile




NAPOLI - Non solo ampliamento dell'offerta educativa, ma strumento di sostegno alle famiglie contro la dispersione scolastica e quindi, in forma preventiva, della criminalità giovanile che spesso sfocia nella sottocultura ideologica della supremazia del maschio e di conseguenza della violenza. È questo il principale obiettivo del progetto "Scuola viva", presentato oggi alla Città della Scienza, che grazie all'impegno della Regione Campania consentirà l'apertura pomeridiana di 454 istituti.

A margine dell'inaugurazione, il presidente Vincenzo De Luca ha risposto così a chi chiedeva quanto possa incidere il progetto contro la dispersione scolastica spesso anticamera dei delinquenza minorile. «Sarà un aiuto alle famiglie che fanno fatica - ha sottolineato il governatore - ed eserciterà una capacità di attrazione degli istituti scolastici in modo che la frequenza non sia solo un supplizio o un dovere burocratico ma che trasformi la scuola in luogo che si apre alla vita, si apre ai quartieri e alle famiglie. Insomma, alla vita normale».

De Luca ha poi aggiunto che a suo avviso, in questa prospettiva, l'apertura pomeridiana delle scuole potrà essere anche «strumento efficacissimo contro la sottocultura ideologica dell'essere maschi, dell'esprimersi con violenza».

© Riproduzione riservata