Venerdi 18 agosto 2017 21:59

Davide Bifolco, ascoltati due carabinieri. L’avvocato: «Fatto passi verso la verità»




NAPOLI - Sono stati ascoltati oggi due carabinieri durante l'udienza del tribunale di Napoli sull'omicidio di Davide Bifolco, il 17enne ucciso il 5 settembre dello scorso anno da un colpo di pistola partito da un militare. Si tratta di un collega di pattuglia del carabinieri che ha sparato e dello stesso comandante. Al termine, l'avvocato della famiglia Bifolco, Fabio Anselmo, ha spiegato che «è stata un'udienza positiva, si sono fatti passi in avanti verso la verità si socno chiarite delle non verità. Durante l'inseguimento, Davide è stato sempre identificato come colui che indossava una maglietta bianca ma quest'indumento non figura tra i reperti. Inoltre, il carabiniere ha affermato che, probabilmente, il passeggero in sella allo scooter guidato da Davide non era Arturo Equabile, il latitante ricercato, come abbiamo sempre sostenuto. Manca, poi, il bossolo del proiettile partito dall'arma del carabinieri che ha ucciso Davide. Si dovrà far luce anche su questo». Fissata per l'11 marzo 2016 la prossima udienza. © Riproduzione riservata