Giovedi 22 febbraio 2018 23:35

Cade una teca agli scavi di Pompei, in frantumi antiche anfore unguentarie

19 dicembre 2016



POMPEI (NA) - È accaduto questa mattina, nell'Antiquarium degli scavi di Pompei, dove quattro anforette unguentarie della mostra "Il corpo del reato" sono andate in frantumi.

L'incidente è avvenuto a causa del distaccamento di uno dei pannelli espositivi, sul quale era installata la teca all'interno della quale erano sistemati i reperti storici. Nell'impatto, oltre agli unguentari miniaturistici, si è anche scheggiata una statuetta.

Avvenuto probabilmente durante la notte, ci si è resi conto solo questa mattina alle nove dell'irreparabile danno. Sono stati i custodi dell'area a rinvenire i reperti in frantumi, lanciando immediatamente l'allarme alla soprintendenza di Pompei.

Repentino, fanno sapere dagli uffici della dirigenza, l'intervento dei tecnici del sito, che ricostruiranno la dinamica dell'incidente e che stanno procedendo, già in queste ore, al restauro delle anforette, al termine del quale verranno rimesse in esposizione. Restano invariati, infatti, i giorni di apertura e gli orari fissati per coloro che avessero intenzione di far visita alla mostra "Il corpo del reato", inaugurata solo venerdì scorso.

Sale intanto l'attesa per la riapertura della Casa dei Vettii, una delle ville pompeiane chiuse al pubblico, che è stata fissata per venerdì prossimo. Probabilmente, alla cerimonia sarà presente anche il ministro Dario Franceschini.

© Riproduzione riservata