Giovedi 23 novembre 2017 17:45

Successo per il Lungomare Trot Race: 40mila persone per lo spettacolo




NAPOLI - Grande successo per il Lungomare Trot Race, l'esibizione di trotto tenutasi ieri in via Caracciolo e che ha aperto, ufficialmente, l'organizzazione dell'evento gran premio Lotteria del 3 maggio. Secondo l'ippodromo di Agnano, così come riporta la Repubblica, circa 40mila persone sono accorse ieri, nella splendida cornice del lungomare partenopeo, ad assistere alla competizione vinta da Ramada e guidata da Giorgio D'Alessandro jr della scuderia Perna. «Sono orgoglioso - ha dichiarato il sindaco De Magistris - di questo splendido spettacolo e che Napoli sia piena di turisti.  L'ippodromo è al centro di un rilancio frutto di un lavoro di squadra tra pubblico e privato, una realtà storica di Napoli che il Comune vuole salvaguardare e consolidare». E alle parole d'orgoglio del sindaco si uniscono anche quelle del presidente di Agnano, Pier Luigi D'Angelo, raggiante per il successo riscosso dall'inedito spettacolo. «Questo evento - ha dichiarato D'Angelo - seppur non privo di responsabilità e polemiche si è rivelato una bellissima occasione per Napoli, con tanto pubblico, dove la gente si è divertita ma soprattutto ha potuto vedere un cavallo di trotto a tre metri di distanza lanciato alla velocità di cinquanta chilometri orari nel pieno del suo movimento sincronico, che è quello del trotto, assistendo così ad uno spettacolo della natura meraviglioso. Sono cavalli docili - ha proseguito D'Angelo - e non sottoposti a nessun tipo di coercizione perché la Lungomare Trot Race non è una corsa ma un'esibizione, senza l'uso della frusta, mirata solo a far avvicinare gli appassionati di cavalli e di green economy, settore che merita il massimo sostegno». Nonostante l'affluenza di un pubblico particolarmente divertito, e le parole positive del sindaco e degli organizzatori, non sono mancate però le polemiche in merito all'organizzazione di questo evento. «Sono molto meravigliata - ha dichiarato Stella Gervasio, garante dei diritti degli animali del Comune di Napoli - che sul lungomare si sia svolta una gara, quando dagli organizzatori e titolari dell'Ippodromo di Agnano avevo ricevuto ampie assicurazioni che si sarebbe trattato di una sfilata non competitiva. È finita l'epoca dei circhi». Duri attacchi sono giunti anche da parte della Lav di Napoli, che non ha lesinato critiche anche nei confronti di chi, a livello istituzionale, ha presenziato la manifestazione. «Una vera e propria corsa di trotto spacciata per semplice sfilata o gara dimostrativa. È stata una vera corsa con false partenze, qualificazioni, semifinali, finali e vincitori, altro che mera sfilata. È triste costatare come a questo gioco dell'equivoco si siano prestati anche esponenti della pubblica amministrazione che, anche attraverso dichiarazioni alla stampa, nei giorni scorsi hanno rassicurato sul fatto che si sarebbe svolta una sfilata, un gara dimostrativa, e non una vera e propria corsa». © Riproduzione riservata