Residenti e commercianti sul piede di guerra al corso Umberto: «Sono 20 anni che siamo bloccati dai lavori»

20 giugno 2017



NAPOLI - Giornata di forti proteste da parte dei commercianti di piazza Nicola Amore e del primo tratto di via Duomo a Napoli per i cantieri della metropolitana della linea 1. Sotto accusa il dispositivo di traffico istituito per consentire i lavori del cantiere, ma che d'altra parte hanno causato il restringimento del passaggio pedonale, la mancanza di sicurezza e di pulizia, oltre alle ricadute in termini economici. «Siamo esasperati da questo cantiere, sono vent'anni che vanno avanti i lavori e ciclicamente ci troviamo di fronte alle stesse difficoltà - ha dichiarato Bruno Sommella, che rappresenta i commercianti della zona - Non vogliamo bloccare i lavori, ma chiediamo di modificare quantomeno la mobilità».

«Questa è una zona che vive di turismo - ha aggiunto - così siamo bloccati volgiamo che chi ha creato questo labirinto venga incontro alle nostre necessità».

Così stamani i commercianti hanno incontrato il presidente della seconda municipalità, Francesco Chirico, il quale ha spiegato: «C'è una trasformazione importante in atto e c'è un disagio che diventa forte quando le scelte e le decisioni non vengono condivise con il territorio. I commercianti e i residenti vivono questo disagio, li ho incontrati anche la scorsa settimana e stamani abbiamo convocato l'assessorato alla Mobilità per chiedere piccoli accorgimenti come la sospensione temporanea della ztl di via Duomo così da rendere fruibile la zona senza creare ingorghi, o come una maggiore illuminazione».

© Riproduzione riservata