Mercoledi 23 agosto 2017 08:09

«C’è un “pacco” per sua figlia», arrestato a Giugliano truffatore di 28 anni
Nel pacco ci doveva essere un pc, invece c'era una bilancia. L'uomo si è fatto consegnare dalla vittima, 82 anni, 300 euro in contanti e preziosi dal valore di 3mila euro

22 gennaio 2017



GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA) - Ha truffato una pensionata di 82 anni fingendo di consegnarle un computer, mentre nel "pacco" c'era una bilancia. I carabinieri però lo hanno arrestato.

Tutto è iniziato con una telefonata di una malfattrice a casa della pensionata. Fingendo di essere la figlia le ha annunciato che di lì a poco sarebbe arrivato un "corriere" per recapitarle un computer.

Poco dopo un 28enne di Napoli, già noto alle forze dell'ordine, è giunto così a casa dell'anziana e l'inganno gli riesce. Si fa pagare il "pacco" con 300 euro in contanti, ma non bastano: la donna salda la differenza con oggetti di valore, ossia preziosi per 3mila euro. A questo il truffatore consegna la scatola e sparisce.

Non passa molto tempo che la donna scopre che in realtà il pacco contiene un bilancia del valore di pochi euro. Immediata la segnalazione ai carabinieri di Giugliano in Campania che sono riusciti ad individuare l'uomo nei pressi di un'area di servizio.

Ancora in possesso del denaro e dei preziosi, che sono stati restituiti alla donna, il 28enne è stato arrestato e condotto al carcere di Poggioreale.

Intanto proseguono le indagini per identificare la complice.

© Riproduzione riservata