Lunedi 23 ottobre 2017 22:29

Napoli, Duchesca: spesa di solidarietà dal salumiere che ha denunciato l’illegalità
Dopo la sparatoria in via Annunziata alla Duchesca lo scorso 4 gennaio, l'esercente è stato l'unico ad avere il coraggio di denunciare l'illegalità che attanaglia il quartiere. Questo gli è costato l'allontanamento da parte dei residenti

22 gennaio 2017



NAPOLI - Ha denunciato nel corso di un'intervista a "Chi l'ha Visto" l'illegalità che infesta la Duchesca, quartiere di Napoli, e l'assenza della Stato. Il filmato è stato poi rilanciato nei giorni scorsi da Roberto Saviano ed è diventato subito virale, quel tanto che è bastato ad isolare il commerciante, un salumiere di 58 anni, che per l'aria che si respira attorno a lui e al suo negozio, ha manifestato l'intenzione di lasciare il quartiere.

Dopo il raid dello scorso 4 gennaio 2017 dove sono stati feriti tre ambulanti africani e una bambina di dieci anni, l'esercente è stato l'unico a metterci la faccia e il cuore denunciando quello che un intero quartiere vive quotidianamente, ma invece di avere i residenti dalla sua, questi hanno iniziato a disertare il suo negozio e a voltargli le spalle così da portare il salumiere a decidere di abbandonare il quartiere.

Articoli correlati

Sparatoria in pieno centro a Napoli, ferita una bimba di 10 anni e tre immigrati
Napoli, bimba ferita alla Duchesca: migliorano le condizioni
Bimba ferita alla Duchesca, quattro fermi

Ma grazie al tam tam sui social ieri è tornato a sorridere: in molti si sono riversati nel suo locale per fare la spesa. Una spesa di solidarietà verso chi dice no all'illegalità. Tra i presenti anche l’assessore comunale al Lavoro e alle Attività Produttive, Enrico Panini, che l’altra sera insieme al sindaco Luigi de Magistris aveva dichiarato di «seguire personalmente la vicenda, in modo discreto, lontano dai riflettori mediatici».

© Riproduzione riservata